“Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi.” Alberto Sordi

Roma è tante cose e descriverla senza cadere nei soliti stereotipi è impresa ardua. Roma, capitale d’Italia, è una grande città cosmopolita: la sua storia, la sua cultura, le architetture, l’arte hanno influenzato tutto il mondo fin da quasi 3000 anni fa. Un esempio unico della successione delle diverse epoche della civiltà occidentale poiché racchiude aree di periodi storici diversi innestate l’una all’altra all’interno di un tessuto urbano unitario. Sigmund Freud paragonò la città di Roma alla struttura della psiche umana, in cui “nulla di ciò che un tempo ha acquistato esistenza è scomparso”. Roma ospita al suo interno addirittura uno Stato, quello del Vaticano dove si trovano la Basilica di San Pietro e i Musei Vaticani con i suoi capolavori, quale la Cappella Sistina affrescata da Michelangelo. E’una città dove le trattorie stanno accanto alle chiese, il traffico urbano alle catacombe e, soprattutto dove passato e presente si fondono e si confondono in un panorama mozzafiato. Passeggiare per Roma è come sentirsi dentro ad uno dei famosi film che nel tempo hanno immortalato la sua bellezza e, mi raccomando… non forzate il passo, ma seguite il ritmo che Roma vorrà dare alla vostra passeggiata.

A seconda dei quartieri e a seconda dell’ora del giorno Roma cambia e ci si può trovare a percorrere strade in cui il silenzio è padrone. Alcune di queste si trovano proprio a pochi passi dal grande traffico e dai flussi turistici, ma riescono a mantenere un’atmosfera raccolta e silenziosa. La sua luce, unica al mondo, che tanti pittori e scrittori hanno provato a dipingere o a descrivere, è mutevole durante il giorno, ma senza mai perdere quel caldo colore. E non si può pensare a Roma senza pensare al Tevere, qui la natura e la storia rendono le sue sponde di rara bellezza e ispirano romanticismo. Come ogni grande città, anche Roma ha dei difetti: il traffico, lo smog, le buche, il problema dello smaltimento dei rifiuti, i servizi di trasporto ma, comunque sia, anche con le sue tante imperfezioni, rimane perfetta.

Finito il lockdown e con la riapertura delle frontiere, il turismo riprenderà. Tante sono le iniziative pensate dagli esperti del settore per avviare la stagione estiva. Alberghi e musei stanno riaprendo le porte. Nelle prossime pagine vi proporrò una serie di appartamenti di proprietà di miei cari amici e due interviste ad albergatori, avrò modo così di descrivere di volta in volta i quartieri e rioni di Roma, piccoli e grandi paesi nella città, ognuno autentico e unico, ognuno con la propria identità ben definita, spesso profondamenti diversi tra loro, ma ugualmente tutti suggestivi.

Via Vittoria

Le piazze di Roma sono una delle sue attrazioni e oggi voglio parlare di una in particolare che, per essere un salotto, è stata creata. La Scalinata di Trinità dei Monti nasce all’inizio del ‘700 per volere di Papa Innocenzo XIII come raccordo scenografico tra le pendici del Pincio, dominate dalla chiesa della SS. Trinità e la sottostante Piazza di Spagna, perché fosse luogo di ritrovo per tutti i cittadini. Ancora oggi, la scalinata e Piazza di Spagna ai suoi piedi, con la barocca Fontana della Barcaccia del Bernini, è luogo di incontro e di ritrovo, tanto da essere definita il “salotto di Roma”. È da qui che si diparte via Vittoria. Immersa tra le strade del lusso, tra via del Corso, via del Babuino e via Condotti, via Vittoria è un gioiello olfattivo, qui infatti possiamo trovare alcuni tra i più prestigiosi atelier specializzati in essenze pregiate e artigianali.

Penthouse Piazza di Spagna

La prima di queste residenze è Penthouse Piazza di Spagna e si trova proprio al centro di Via Vittoria, all’interno di un aristocratico “Palazzetto” del XVIII secolo. Questo splendido attico si sviluppa su due livelli ed è composto da un ampio soggiorno che include sia la zona pranzo che il salotto, tre confortevoli camere da letto e due bagni. Dotato di ogni comfort, fra cui aria condizionata, cucina attrezzata con microonde, forno e frigorifero, TV, Wi-Fi gratuito, e su richiesta e con un costo aggiuntivo, si possono avere asciugamani e lenzuola. Ma quel che affascina di più di questo appartamento è sicuramente l’ampia terrazza che si affaccia sulla via e sui tetti di Roma.

Nel pieno centro di Roma, in una via piena di ristoranti i e bar dove è piacevole fermarsi per una pausa dopo le visite ai luoghi immancabili della città o per fare colazione o prendere un aperitivo. Penthouse Piazza di Spagna offre anche la possibilità di noleggiare delle biciclette per muoversi con più agio in città o per evitare i mezzi pubblici, soprattutto in tempi di COVID19.

http://www.romepiazzadispagnapenthouse.com